Alla scoperta di Rouen e della Normandia

Se pensavo al nord della Francia fino a qualche settimana fa, me la immaginavo ventosa e fredda, soprattutto fredda, memore del film Bienvenue chez les Ch’tis (Giù al Nord), il film francese a cui si ispira il “nostro” famoso film italiano con Claudio Bisio “Benvenuti al Nord“. In realtà la Normandia non è così, e non è questo. La Normandia raccoglie in sé un importante pezzo della storia di tutti noi.

La Normandia

Bisogna essere preparati per un viaggio in Normandia, e non per via del tempo, per via delle emozioni che la visita qui può scaturire.  Questo viaggio mi ha regalato alcuni dei migliori paesaggi mai visti, e soprattutto un viaggio nel tempo e nella storia nei luoghi della prima e della seconda guerra mondiale.

Un viaggio in questa regione vi concederà di trascorrere giornate con temi molto diversi tra loro: dalle visite culturali alla città di Rouen, alle visite dal tema più storico con la scoperta dei luoghi dello sbarco, infine c’è lei la famosa e stupenda isola di Mont Saint Michel. Per avere maggiori informazioni vi consiglio di leggere il mio articolo Visitare Mont Saint Michel.

Atterrati all’aeroporto belga Charlerloi, abbiamo preso a noleggio una macchina con la quale ci siamo diretti verso la Francia, con destinazione Rouen, Normandia.

La città di Rouen

Rouen.JPGIl nostro viaggio inizia con la visita alla città di Rouen, capitale della Regione Normandia, che conserva ancora un magnifico centro storico, ricco di antiche case a graticci e monumenti in stile gotico. Rouen viene chiamata anche la città dei cento campanili, perchè qui ci sono veramente molte chiese.

Il miglior modo per visitare la città è sicuramente quello di farlo a piedi, anche perchè il suo centro storico non è molto grande e a piedi riuscirete a godervi meglio la città.

La città è anche famosa per esser il luogo dove venne bruciata viva Giovanna D’arco, in suo onore sono quindi stati costruiti il Memoriale di Giovanna D’Arco, la Chiesa Santa Giovanna D’Arco (“Eglise Sainte Jeanne d’Arc”), e la Torre. La torre è ciò che rimane del castello eretto nel 1200, e qui si possono trovare pannelli, e ricostruzioni della prigionia di Giovanna D’Arco e della storia di quel periodo. La Chiesa, invece, eretta nel posto del martirio, rievoca nelle sue coperture le fiamme del rogo.

Rouen si presenta come la città adatta ad un fine settimana sereno, dove Rouenperdersi nelle sue viette, dove farsi coccolare dai suoi colori, dove farsi conquistare dai profumi della sua cucina.  Camminando per le sue viette tra le tipiche case in legno a graticcio, incontrerete la chiesa di Saint Maclau. Questa chiesa costruita in stile gotico, è stata gravemente danneggiata durante la Seconda Guerra Mondiale, ci sono poi voluti diversi anni e numerosi interventi di ricostruzione per rendere la chiesa nuovamente accessibile. All’interno un reportage di pannelli racconta la storia della chiesa e i lavori di ricostruzione avvenuti. 

aprile – ottobre : lunedì, sabato, domenica dalle 10:00 alle 12:00 dalle 14:00 alle 18:00
novembre -marzo : lunedì, sabato, domenica dalle 10:00 alle 12:00 dalle 14:00 alle 17:30

Se vi lasciate la chiesa alle spalle e proseguite dritti in Rue Saint Romain vi troverete la vista delle bellissima Cattedrale di Notre Dame.

Cattedrale Notre Dame di Rouen

_Rouen cathedralNon potete mancare una visita alla Cattedrale Notre Dame. In completo stile gotico la Cattedrale di Rouen, costruita sulle fondamenta  di una struttura romana del XI secolo , ha subito  nel corso della storia diverse distruzioni e ricostruzioni. La cappella della cattedrale ospita le tombe dei duchi di Normandia, e una statua di Riccardo Cuor di Leone. Anche la Chiesa di Rouen ha subito dei bombardamenti durante il secondo conflitto mondiale ed è rimasta poi chiusa per un periodo per lavori di ricostruzione. La visita alla chiesa è gratuita.

Le torri della Cattedrale di Rouen sono tre: la tour lanterne, la tour Saint-Romain, la tour de Beurre tiburio, la guglia in ghisa, è considerata la più alta di Francia, e tocca i 151 metri. La chiesa è diventata famosa anche grazie a Monet, che tra il 1892 e il 1893 dipinse diverse diverse volte la chiesa nelle sue tele.

_DSC7432.JPG

Lasciandovi la Cattedrale di Rouen alle spalle, proseguite dritti su Rue du Gros-Horloge e si aprirà davanti a voi il bellissimo Gros-Horloge, monumento simbolo della città di Rouen.
Quest’opera si compone di un’arcata, di un quadrante rinascimentale, di una fontana e di una torre campanaria gotica, tipicamente chiamate Beffroi.
La torre ospita le campane della città ed è uno dei meccanismi di orologeria più antichi d’Europa. L’orologio astronomico a due quadranti che possiamo ancora ammirare risale alla fine del 1300 ed è stato in funzione fino agli inizi del ‘900.

Clocktower.JPG

Proseguendo sempre dritti arriverete a Place du Vieux Marché, la piazza in cui fu bruciata Giovanna d’Arco.

Alla fine non perdetevi il Parlamento di Normandia- Palazzo di Giustizia, uno dei più importanti edifici civili francesi, in completo stile gotico.

Bellissimo camminare per le stradine di questa cittadina e ammirare i piccoli negozietti, le boulangerie, e respirare un’aria diversa, come d’altri tempi. I colori di questa città possono ammaliarvi e conquistarvi, farvi fermare e farvi vivere una giornata o un fine settimana come estranei dal mondo, con i suoi tempi e la sua quiete. La città va vissuta e “assaporata” con tranquillità, e gli occhi con cui la guardiamo possono darle accezioni diverse: da vivace capitale della regione Normandia, a poco conosciuta (e timida) città d’arte e d’architettura.

Il museo delle belle arti di Rouen

Un museo che vale la pena di visitare è il Museo delle Belle arti. Con la sua esposizione permanente questo museo vi permetterà di ammirare opere di importanti artisti come Caravaggio, Monet, Renoir e Sisley. Per informazioni relative alle esposizioni, alle opere e agli orari del museo: www.mbarouen.fr .

Dove dormire a Rouen

Per questo soggiorno a Rouen noi abbiamo scelto di soggiornare presso un bellissimo Bed&Breakfast, Au Micocoulier che si trova all’interno della zona pedonale di Rouen.

IMG_8820

Ci siamo subito innamorati della sua atmosfera accogliente, e dato che presentava un’offerta per chi soggiornava durante la settimana, abbiamo deciso di provare!

Questa strutta si trova all’interno della casa di un artista, il signor Daniel, che vi farà sentire come a casa vostra. Poche stanze a disposizione, ma il posto è molto, tranquillo e la colazione si presenta eccezionale. Il signor Daniel, è stato molto gentile con noi, ci ha consigliato dove andare a mangiare, ci ha fornito indicazioni riguardo la città… Per non parlare di come sia stato fantastico svegliarsi con il profumo delle brioche!

Peccato il nostro soggiorno qui sia durato solo una notte, ma il nostro itinerario alla scoperta della Normandia sarebbe proseguito verso i luoghi dello sbarco della Seconda Guerra Mondiale.

Potete legger anche: 

Per maggiori informazioni riguardo la città potete consultare il sito ufficiale della città e dell’Ufficio del turismo: www.rouentourisme.com e www.rouen.fr

15 commenti su “Alla scoperta di Rouen e della Normandia

  1. Uh, che bello, alla fine siete passati anche per Dieppe! Non vedo l’ora di leggermi l’articolo al riguardo! Intanto questo mi è piaciuto moltissimo.. Mi hai riportata tra i vicoletti di questa bella cittadina 🙂

  2. La Normandia è uno dei miei luoghi preferiti… sembra di essere in un mondo lontano nel tempo, incantato e affascinante. PS: che gioiellino il bed&breakfast!

    • sono d’accordo con te…! Ho visitato Bretagna e Normandia e mi sembrava proprio di esser in un mondo parallelo..! Fantastico per una vacanza rilassante, che allo stesso tempo ti permette di visitare posti nuovi e assaggiare buon cibo! 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: