Itinerario bunker

Montello: Itinerario dei Bunker

Il Montello è un singolare rilievo di terra rossa che si erge isolato nella pianura trevigiana a sud del corso del Piave e con un altitudine massima di circa 370 metri.[…] Lo stesso nome indica che non si tratta di una vera e propria collina, ma l’altezza modesta non lo rende neppure una vera e propria montagna… (boscodelmontello)

Dopo domeniche di freddo e pioggia, che mi hanno permesso di dedicare il tempo ad alcune delle mie serie preferite di telefilm, questa domenica ci ha finalmente regalato una bellissima giornata di sole.

Ho deciso di  dare spazio anche al paesaggio delle mie terre, non serve prendere voli intercontinentali: esistono paesaggi stupendi, anche appena fuori dalle nostre porte. L’Italia ha le sue bellezze da esplorare e ammirare. Per questo inizio a raccontarvi della mia scoperta ad delle zone che più mi affascina della mia provincia: i luoghi del Montello che sono stati scenari di battaglie durante la Grande Guerra.

Il bosco del Montello ti può regalare sensazioni uniche, è il posto ideale per lunghe camminate durante le belle giornate, per pic-nic nella stagione estiva, per trovare silenzio e tranquillità. È adatto per gli amanti dello sport, si può praticare di tutto:  camminata, trekking, ciclismo e molto altro. Ma non solo, qui possiamo farci viziare dalla cucina di ottimi ristoranti e agriturismi che vi potranno far assaggiare alimenti tipici e naturali della cucina locale.
Il Montello famoso scenario di combattimenti contro gli Austriaci, lungo le sponde del fiume Piave, nasconde ancora segni della guerra. Questa domenica noi ci siamo concessi qualche ora per esplorare il famoso “Sentiero Brigata Lucca” detto anche itinerario dei bunker, dove è possibile esplorare bunker costruiti dai soldati italiani durante la Prima Guerra Mondiale.
Bisogna premettere che dal 2006 l’Associazione Battaglia del Solstizio e gli Alpini hanno svolto un duro lavoro di mappatura e di recupero delle postazioni, auto finanziando la quasi totalità dei lavori. Senza il loro operato e il lavoro non sarebbe per noi attualmente possibile esplorare queste zone.

L’itinerario, tutto debitamente segnalato, parte dalla Chiesa di Santa Croce a Nervesa della Battaglia e vi condurrà fino alla grotta del Tavaran Grando, permettendo di esplorare sia i bunker, sia splendidi paesaggi lungo il fiume Sacro alla Patria.

Santa Croce_Montello
Chiesa Santa Croce

Abbiamo iniziato il nostro percorso dalla Chiesa di Santa Croce dove abbiamo parcheggiato la macchina nel piazzale di fronte, e abbiamo iniziato l’itinerario prendendo via Lama.
Questi reperti bellici in cemento armato rappresentavano la prima linea difensiva, ed erano stati costruiti per adempiere a compiti diversi: postazioni per armi da fuoco automatiche, osservatori, postazioni per batterie.

Primo bunker che fungeva da postazione vedetta:

Itinerario bunker

Itinerario bunker

Proseguendo lungo il percorso, seguendo le indicazioni siamo arrivati al secondo bunker, una postazione di mitragliatrice scavata nella roccia.

Itinerario bunker
Bunker detto “Busa de Banes”

 

Itinerario bunker

Itinerario bunker

Ci fermiamo per ammirare non solo l’aspetto storico di questo percorso ma anche quello naturale e paesaggistico. Riusciamo a percepire l’anticipo della primavera, il verde dei prati è lucente come uno smeraldo, i colori dei primi fiori ti colpiscono (dopo il “letargo” dell’inverno) e l’aria che respiri è fresca, e ti viene voglia di respirare a pieni polmoni. Il rumore dello scorrere rapido e incessante del Piave vi accompagna per tutto il tempo.

Itinerario bunker

Itinerario bunker

La terza postazione viene chiamata Croda dei Zatteri: all’interno di questo masso venne scavata una postazione mitragliatrice. Questa postazione è così chiamata poiché all’epoca della Serenissima questo masso segnalava alle zattere che attraversavano il fiume l’arrivo al porto di Falzè.

Itinerario bunker

Itinerario bunker

Seguendo il sentiero che costeggia il Piave seguiamo le indicazioni fino ad arrivare al quarto bunker.

Itinerario bunker

Da qui abbiamo proseguito il nostro itinerario seguendo un sentiero fatto di sassi e ciottoli, che a tratti è anche leggermente ricoperto dalle acque del Piave. Finché siamo arrivati ad un ultimo bunker e alla più famosa grotta del Montello il Tavaran Grando.

Itinerario bunker

Itinerario bunker

Itinerario bunker

Consiglio a tutti di perdersi in questo percorso, di ammirare paesaggi, ascoltare i suoni caratteristici del posto e osservare la natura che vi circonda.

Itinerario bunker

Itinerario bunker

Il Montello “nasconde” itinerari poco conosciuti, ma che si rivelano esser in grado di svelare paesaggi ed emozioni, che meritano di essere scoperte e ammirate.
In tutto questo un ringraziamento va assolutamente all’Associazione storico culturale Battaglia del Solstizio, senza la quale non si potrebbero ammirare questi reperti storici.
Il percorso attualmente non è molto lungo, sarebbe bello che nel futuro si potesse ampliare. È necessario però che vengano destinati dei fondi per continuare questa scoperta e il recupero di questi reperti bellici e storici.

9 commenti su “Montello: Itinerario dei Bunker

  1. Bellissimo articolo! Grazie di averlo condiviso, a testimonianza del fatto che c’è molto da scoprire lontano ma anche vicino. Un abbraccio!

  2. Avendo un ragazzo appassionatissimo di storia, ed in particolare quella militare, questa sarà sicuramente una tappa per una giornata fuori porta questa primavera, grazie per avermelo fatto scoprire 😀

    • Prego! Penso che sia proprio questo il motivo per cui scriviamo, no? In realtà non è un itinerario molto lungo..(servirebbero più fondi per “recuperare” altre postazioni.. ma è molto carino. La zona comunque è ricca di monumenti legati alla Grande Guerra per cui penso che passerete una bella giornta! 🙂 Aspetto di leggere il tuo articolo e le tue opinioni

    • Sei dalla provincia di Venezia, giusto? Beh se venite da queste parti per una gita domenicale, vi consiglio quest’itinerio.. magari dopo il pranzo in uno degli ottimi agriturismi…! Non è molto lungo, ma carino e suggestivo! 🙂

    • Ciao Luca,
      scusa il ritardo con cui ti rispondo. L’itinerario del percorso lo puoi ricavare dalle informazioni che ho scritto nell’articolo e da questo link http://www.montello.eu/passeggiate/18-turismo-montello/passeggiate-montello-tv/288-bunker-montello-prima-guerra-mondiale
      Il percorso non è molto segnalato (almeno non lo era fino a qualche mese fa), ma è possibile capire la direzione facilmente perché, lasciandoti sempre il Piave alla tua destra, i bunker non sono molto distanti tra di loro, e quando stai visitando un bunker, puoi scorgere quello successivo (o comunque seguire il percorso) e quindi comprendi la direzione. L’itinerario non è molto lungo comunque, e non ci si può proprio perdere! 🙂 Consulta anche la pagina Facebook “Montello il bosco dei Dogi” dove potresti trovare qualche informazione in più. Spero di esserti stata almeno un po’ d’aiuto. Per altre informazioni scrivimi pure. Martina

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: