L’Île de Bréhat

Se programmate un tour della Bretagna un mio consiglio è quello di inserire una visita giornaliera all’Isola di Bréhat o Île de Bréhat, in francese.

L’Île de Bréhat è un piccolo arcipelago di isole, situato nel canale della Manica, a circa 130km da Saint Malo. L’isola principale, è in realtà divisa in due da un stretto braccio di mare, ma le due parti sono collegate tra loro da un ponte.

map.jpg
Dove si trova l’isola

L’isola è unica nel suo genere in quanto non sono ammessi veicoli a motore, ed è, quindi, visitabile solo a piedi o in bicicletta.

Conosciuta come un’oasi di relax, immersa nel verde, questa splendida visita vi concederà di trascorrere una giornata in tutta serenità, accompagnati dal canto degli uccellini, e dallo splendido e caratteristico paesaggio naturale. L’Île de Bréhat è, infatti, conosciuta anche come “isola dei fiori” proprio per le sue bellezze floreali, specialmente nel periodo della fioritura.
L’isola è sostanzialmente divisa in due: la parte a nord ricca di paesaggi naturalistici, mentre la parte sud caratterizzata dal villaggio locale, Le Bourg, che conta circa 400 abitanti.
Non ci sono parole per descrivere le bellezze di questo angolo di paradiso.

Il borgo è caratterizzato dalle sue casette tipiche immerse nel verde, e dalla Chiesetta di Saint Michel risalente al XVI secolo, che è il punto più alto dell’isola.

Moulin du Birlot un mulino ad acqua caratteristico, un tempo risorsa indispensabile per gli abitanti dell’isola. La nostra visita al mulino è stata “interrotta” da un forte acquazzone, ma si sa che il tempo un po’ bizzarro è tipico di questa di regione.

 

moulin.JPG
Moulin du Birlot 

Ecco, invece, il meraviglioso paesaggio che si è presentato dopo la pioggia. Uno spettacolo!

moulin Birlot

Il Faro di Paon (Phare du Paon) costruito nell’Ottocento, è stato poi distrutto durante l’invasione delle truppe naziste e ricostruito a metà Novecento in granito rosa.

farobrehat.JPG
Faro du Paon
pharedupaon.JPG
Faro du Paon

L’isola è famosa anche per le vetrerie di Bréhat: un laboratorio artigianale dove esperti vetrai qui soffiano il vetro, rendendo l’isola famosa anche per le sue creazioni artigianali.

vetrerie6
vetreria

vetreria1
vetrai

Caratteristici massi di granito rosa e natura incontaminata, rendono il paesaggio dell’isola unico e indimenticabile.

Brehat 2 (1).jpg

Brehatisland.JPG
Bassa marea -Île de Bréhat

boat Brehat.JPG

Informazioni pratiche: 

I Traghetti per l’isola (Les vedettes de Bréhat) partono da Pointe de l’Arcouest poco distanti da Paimpol. La traversata dalla terraferma all’isola impiega 10-15 minuti.

Come già spiegato l’isola è visitabile solo a piedi o con la bicicletta. Non sono acconsentiti veicoli a motore.

Il costo del biglietto del traghetto è di €10. 

Per informazioni su orari e costi vi consiglio di consultare sito ufficiale del isola qui.

L’isola ha una lunghezza di 3,5 km e una larghezza di 1,5 km, quindi si presta bene per una visita in giornata. Il villaggio  dell’isola, Le Bourg, presenta comunque delle strutture pronte all’ospitalità, oltre a ristoranti e piccoli negozietti.

23 commenti su “L’Île de Bréhat

  1. Amo questo genere di posti! Mi ricorda tanto l’isola di Seurasaari a Helsinki, collegata alla terraferma da un ponte di legno che si può attraversare solo a piedi o in bici. Sull’isola però non c’è un villaggio, ma un museo a cielo aperto che mostra le costruzioni finlandesi del passato 🙂

  2. La Bretagna mi ispira tantissimo ed è in cima alla lista dei viaggi da fare speriamo a breve, quest’isoletta, che non conoscevo poi è carinissima (ma quanto è bella la spiaggia di granito rosa?)!!! Grazie di avermela fatta conoscere!

    • Grazie a te di esser passata di qui e di aver apprezzato… spero riusciate a concretizzare il vostro viaggio in Bretagna e se riuscite fate un salto anche qui che ne vale la pena! Una giornata per disintossicarsi da smog e traffico e apprezzare la natura e le sue perle! 🙂

  3. Fantastica! È un posto magnifico! Già il fatto che si debba girare per forza a piedi mi piace, vuol dire che si respira aria pulita; di mare e di terra. E poi che scorci bellissimi, con quelle casette! Sicuramente una meta da non perdere e che non conoscevamo! Grazie 😀

  4. Che bel luogo questa isola… dalle foto sembra di arrivare in un luogo discosta dalla realtà.
    Mi piacciono quelle isole dove non possono circolare veicoli a motore, mantengono integri gli ambienti naturali e, per i turisti e viaggiatori, sono un ottimo stacco dalla realtà. Anche solo il fatto di non sentire rumori di automobili è un bel relax. È un po’ come Monte Isola a Brescia nel lago d’Iseo!
    Molto bello il faro ed anche la vetreria.
    Se programmo un viaggio in Bretagna inserisco sicuramente l’isola di Brehat nel programma.

    • Anch’io ho apprezzato molto il fatto che non ci fossero auto. E’ stata una giornata stupenda, un posto che ti consiglio davvero. Non conoscevo Monte Isola a Brescia.. mi hai dato un ottimo spunto! 🙂 lo inserirò anch’io nelle mie prossime mete 😉

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: