Il lago di Braies: alla scoperta del lago incastonato tra le Dolomiti

Il lago di Braies, situato all’interno del Parco Naturale Fanes – Sennes – Braies, è una vera meraviglia incastonata tra le Dolomiti.
Il lago attira turisti sia in estate per le sue acque color smeraldo, che in inverno quando è ricoperto di da un manto di ghiaccio. L’ambiente in cui si trova, circondato da boschi e dalle splendide vette delle Dolomiti rende il paesaggio davvero unico.

 

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Lago di Braies/Pragser Wildsee (@lagodibraiesofficial) on

ATTENZIONE! Dal mese di luglio al mese di settembre il lago è visitabile, ma per tutelare il parco naturale in cui si trova è stato chiuso al traffico di auto e moto private. Si può raggiungere il lago tramite gli autobus di linea o la navetta messa a disposizione.

Dal 10.07.2019 al 10.09.2019 la Val di Braies rimane chiusa dalle ore 10:00 alle ore 15:00 per tutti i mezzi di trasporto privato ed è raggiungibile solo con mezzi pubblici, a piedi o in bicicletta. Comunicato ufficiale del Comune di Braies. Fonte: www.comune.braies.bz.it.

Lago di Braies
Mappa per arrivare al lago. Clicca sulla mappa per ingrandirla

Il lago di Braies

Il lago di Braies, in tedesco Pragser Wildsee, si trova in val di Braies nella bellissima Val Pusteria. Vi avevo già parlato della Val Pusteria e della sua pista ciclabile San Candido – Lienz, da fare in bicicletta, alla scoperta di paesaggi meravigliosi: “Ciclabile della Pusteria: San Candido-Lienz in bicicletta”. Un’altra bellissima escursione da non mancare se vi trovate in questa zona, è quella al lago di Braies.

 Lago di Braies

Adatto a tutti, anche a famiglie con bambini il lago di Braies è una meta diventata molto gettonata dopo essere stata scelta per le riprese della serie televisiva “Un passo dal Cielo”, trasmessa da  Rai1, e con protagonista l’attore Terence Hill.
Durante la seconda guerra mondiale i soldati tedeschi delle SS nascosero proprio qui al lago di Braies alcuni prigionieri politici, come l’ultimo cancelliere austriaco prima che l’Austria fosse annessa alla Germania. Questi furono poi liberati nel maggio del 1945 grazie all’arrivo delle truppe americane.

Il lago di Braies è di origine alpina, ed è nato a causa di una frana, che ha causato lo sbarramento del fiume Rio Braies.
Proprio da qui, è possibile partire per percorrere diverse escursioni. Tra i diversi percorsi segnalo che qui parte “l’Alta via n°1 delle Dolomiti” che da Braies arriva fino a Belluno, lunga circa 125 km e con 7.300 m di dislivello in salita.
L’area del lago è attrezzata con un hotel e un bar-ristorante, ma è anche possibile fare un picnic all’ombra del boschetto attorno al lago.
Il lago di Braies è, inoltre, considerato balneabile. Io, però, ho provato a toccare l’acqua ed era un po’ freddina, anche se quel giorno c’erano diverse persone, anche bambini, che facevano il bagno.

 Lago di Braies

 

Il giro del lago di Braies

Il giro del lago di Braies è una bellissima passeggiata che consente di ammirare il panorama che lo circonda, compresa l’imponente Croda del Becco, alta 2.810 m.
Immersi in questo ambiente naturale sarete conquistati dai bellissimi colori della natura e del lago, e dalle vette delle Dolomiti che si riflettono sull’acqua.

Il giro attorno a lago è lungo meno di 4km, non è difficile anche se c’è una parte con dei gradini da salire, quindi tenete conto di questo se avete dei bambini piccoli.
Può essere che durante la stagione invernale i sentieri attorno al lago siano impraticabili a causa di ghiaccio e neve. In quel caso potete fare una passeggiata camminando proprio sopra le sue acque ghiacciate.

percorso attorno lago di Braies

L’escursione non è difficile, è più una piacevole passeggiata, e permette di ammirare paesaggi bellissimi. Noi siamo partiti dall’Hotel “Pragser Wildsee”, e abbiamo seguito il giro in senso antiorario. Il percorso è iniziato in mezzo al bosco su un sentiero sterrato, dove abbiamo trovato anche una piccola Cappella dedicata alla Madonna.

Noi ci siamo fermati qui, all’ombra di questi pini, per fare un veloce picnic. Dopo la sosta, abbiamo ripreso il percorso attorno al lago e abbiamo continuato sul sentiero sterrato, lasciandoci la riva alla nostra sinistra. Una volta finito il bosco siamo arrivati ad una piccola baia, una spiaggia di sassi, dove alcune persone erano stese a rilassarsi e a prendere il sole.

percorso attorno lago di Braies

lago di Braies_Croda del Becco

Noi abbiamo proseguito seguendo l’itinerario, e ammirando la vista sulla Croda del Becco.
Qui è iniziata la parte, se così si può dire “più difficile”, perchè si trovano prima dei gradini da fare prima in salita e poi in discesa.
Il tratto finale del percorso permette di costeggiare le acque del lago, fino ad arrivare al piccolo molo dove si noleggiano le barchette in legno a remi, che consentono di fare il giro del lago.

Come arrivare al lago di Braies

Nel periodo di bassa stagione il lago è raggiungibile in auto, utilizzando uno dei parcheggi che si trovano in prossimità e che costano circa €6 al giorno.

Nel periodo di alta stagione per preservare il Parco Naturale Fanes-Sennes-Braies non è possibile raggiungere il lago con l’auto, essendo la val di Braies chiusa al traffico, bisogna affidarsi agli autobus (442/443) o alle navette.
Servizio Navetta 439: Monguelfo – Lago di Braies: tariffa di 3 euro (inclusi bambini a partire dai 6 anni e per il trasporto animali). C’è una navetta che parte ogni 30 minuti circa, e il viaggio dura circa 20 minuti.
Per informazioni, orari e costi: www.suedtirolmobil.info/it.

In alternativa dalla frazione di Ferrara potete prendere il sentiero n°1 che a piedi porta fino al lago di Braies in circa 90 minuti.
In bicicletta potete percorre la pista ciclabile fino a Ferrara, poi per la strada provinciale n. 47.

percorso attorno lago di Braies

Altre informazioni

Il lago si trova nel comune di Braies, in provincia di Bolzano.

  • Altezza sopra il livello del mare: 1.496 m
  • Superficie: ca. 31 ettari (lago naturale più grande delle Dolomiti)
  • Profondità massima: 36 m

È possibile noleggiare una barchetta a remi per fare un tour del lago. Il costo del noleggio è di €28 per un’ora e di €18 per mezz’ora.
Noi non lo abbiamo fatto perché abbiamo già fatto un’esperienza simile quando siamo stati al bellissimo lago di Bled, e qui mi sembrava un po’ troppo caldo per farlo.

Nelle giornate estive questa è una meta davvero gettonata, il momento migliore per godere appieno del lago e dalla sua atmosfera e al mattino presto, quando il flusso di turisti non è ancora consistente.


 

18 commenti su “Il lago di Braies: alla scoperta del lago incastonato tra le Dolomiti”

    • Allora lì ho visto persone fare il bagno e persone noleggiare la barca a remi in legno, non ho visto persone fare altre attività.
      A dire il vero, però, non ho visto nemmeno particolari cartelli di divieto. Però ti consiglio di contattare il comune di Braies che magari ti dà la risposta corretta.

  1. E’ da una vita che vorrei andarci: ci riuscirò? Ho sempre visto foto fantastiche: ma è veramente così bello? Con quel lago color turchese e le Dolomiti che ci si riflettono …

  2. Il lago di Braies è uno dei miei laghi preferiti, è un gioiello davvero, un gioiello fra le montagne. E le tue foto rendono al massimo questo posto. grazie martina, devo assolutamente ritornarci, dopo tanti anni è venuto il momento di rivederlo

  3. Io ci sono stata neanche un mese va, sono arrivata di mattina prestissimo ed ho fatto il giro del lago in senso orario. Quando sono arrivata nel pezzo in cui si può accedere più comodamente all’acqua ho messo i piedi a mollo. Erano un po’ gonfi e quindi ho sfruttato il freddo dell’acqua per abbassare la temperatura del mio corpo Mi è piaciuto tantissimo, quei colori e quel panorama mi hanno quasi commosso ❤️

  4. Mi piacerebbe moltissimo andare a visitarlo o in primavera o magari in autunno, immagino che i colori debbano essere pazzeschi !!
    La natura da il meglio di sé in questi posti e fanno bene a cercare di tutelare il lago e la sua bellezza

  5. Credo che la decisione di chiudere il traffico automobilistico e motociclistico in alcuni periodi sia stata una scelta giusta. Ormai questa zona è diventata così conosciuta che si rischia di rovinarla. Anche a me piacerebbe visitarla prima o poi ma spero che fino ad allora resti intatta come lo è adesso. ps. nella mia ignoranza non sapevo proprio che la serie tv fosse stata girata qui. Si vede che la seguo poco vero? 😛

  6. Finalmente leggo qualcosa di completo su questo lago, di cui di solito vedo solo fotografie corredate da poche parole su IG. Non sapevo nulla di tutto ciò che hai raccontato, né che qui siano stati nascosti prigionieri politici né che vi siano state girate scene di Un Passo dal Cielo. Bellissime foto 🙂

  7. Un posto incantato il Lago di Braies, in tutte le stagioni. L’ultima volta che ci sono stata, non era ancora divenuto una “star” televisiva, c’erano pochi turisti, abbiamo parcheggiato la moto e fatto con calma tutto il giro a piedi ammirando il colore incredibile dell’acqua. Non sapevo che i tedeschi ci avessero nascosto dei prigioneri…

  8. Conosco benissimo questo lago perché è da anni che trascorro le vacanze estive in Alta Pusteria. È un luogo bellissimo, anche se ad agosto c’è un traffico pazzesco! Meglio andarci la mattina presto o la sera. Bellissime le foto, complimenti!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!