Cosa vedere a Yaroslavl, città dell’Anello d’Oro

Yaroslavl (in russo Ярославль) è una cittadina russa parte del famoso Anello d’oro, un percorso composto da un gruppo di città storiche situate a nordest di Mosca, che rappresentano una parte della culla della civiltà e della storia russa.
La città si trova a meno di trecento chilometri a nord di Mosca e il suo centro storico è considerato Patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 2005.
La città è stata fondata nel 1010 dal Principe Yaroslav the Wise (Yaroslavl il Saggio) che all’epoca era Grande Principe di Kiev.

Con più di mille anni di storia Yaroslavl si trova all’incrocio tra due importanti fiumi: il Volga e il Kotorosl ed è una città che ha davvero molto da offrire in termini storici, architettonici e anche culinari.

Yaroslavl russia

Cosa vedere a Yaroslavl

Yaroslavl è considerata  la capitale dell’Anello d’Oro ed è famosa per le sue numerose e belle chiese, motivi per cui è considerata considerata la destinazione ideale per una gita fuori porta di un weekend lungo se vi trovate a Mosca. Moltissimi monumenti storici e culturali, monasteri e chiese sono localizzati nel centro storico della città. Per questo motivo, la lista di cosa vedere a Yaroslavl potrebbe essere davvero lunga ma in questo caso vi suggerirò le cose che potete vedere avendo indicativamente due giorni pieni a disposizione.

Yaroslavl
Yaroslavl sembra essere l’unica città in Russia che è riuscita a preservare un patrimonio architettonico di cinque secoli con una struttura urbanistica della città che segue le regole dettate da Caterina II di Russia, nota anche come Caterina la Grande (1729 – 1796).
La città è famosa perchè qui è nata Valentina Tereshkova, la prima cosmonauta donna al mondo che volò nello spazio nel 1963 e che ora è deputata alla Duma di stato della Russia.

Monastero della Trasfigurazione

Il Monastero della Trasfigurazione è uno dei simboli principali di Yaroslavl e fa parte del patrimonio architettonico più antico della città. Questo edificio religioso, fondato nel XII secolo dal principe Konstantin Vsevolodovich, a metà del Cinquecento divenne una roccaforte che custodiva il tesoro statale per questo a volte è spesso identificato come il Cremlino di Jaroslavl.

Il Monastero fu chiuso nel 1918 e fu utilizzato per varie attività non religiose, fino a quando non fu riorganizzato e adibito a Museo Storico, Architettonico e Artistico dello Stato di Yaroslavl. Oggi il monastero conserva sempre un museo con mostre permanenti e temporanee.

Chiesa del Profeta S. Elia

La chiesa del Profeta Sant’Elia è un capolavoro dell’architettura russa e uno dei simboli più riconoscibili della città. Due ricchi fratelli e mercanti di Yaroslavl ordinarono la costruzione della Chiesa tra il 1647-1650. L’edificio religioso è sormontato da cinque grandi cupole verdi ed è stato costruito secondo la tradizione architettonica russa delle due chiese: una estiva e una invernale. L’edificio, infatti, è suddiviso in due parti: la parte centrale e più ampia si chiama “chiesa d’estate”, mentre quella laterale, più piccola è la “chiesa d’inverno”. La presenza di due ambienti è da ricondurre al terribile freddo invernale di un tempo quando era più facile riscaldare un ambiente più piccolo.

L’unicità della Chiesa del Profeta Sant’Elia risiede nell’eccellente conservazione dei dipinti interni, che sono giustamente considerati capolavori dell’arte antica russa. Si tratta di dipinti risalenti al XVII secolo realizzati durante l’anno 1680 da una squadra di 15 pittori guidati da famosi maestri dell’epoca Gury Nikitin e Sila Savin.

Cosa vedere a Yaroslavl

Teatro accademico Fedor Volkov

Il teatro accademico statale ″Fedor Volkov″ a Yaroslavl risale al 1750 ed è il primo teatro professionale in Russia. Il teatro prende il nome dal suo fondatore, Fedor Volkov, regista e attore, figlio di un commerciante locale. Fedor Volkov aveva iniziato la sua attività teatrale in un piccolo magazzino sulla riva del Volga con altri attori dilettanti ed è riuscito a portare la compagnia ad un livello professionale tanto che andò anche a San Pietroburgo per sviluppare altre attività teatrali.
Nel XIX secolo il teatro Yaroslavl era famoso non solo per essere il più antico teatro russo, ma anche come uno dei migliori teatri del paese. Su questo palcoscenico si sono esibiti attori famosi come Strepetova, Moskvin, Kachalov, Savina, Stanislavsky. Ogni anno il teatro partecipa a concorsi internazionali e ha ricevuto nel tempo molti riconoscimenti, tra cui il più prestigioso premio teatrale russo “Maschera d’oro”.

Cattedrale dell’Assunzione

La Cattedrale dell’Assunzione è una delle più antiche cattedrali di Jaroslavl e fu il Principe Costantino ad ordinare la sua costruzione all’inizio del XIII secolo. La Cattedrale dell’Assunzione fu più volte distrutta e ricostruita nel corso degli anni: prima nel 1501 e poi nel 1644. Durante il periodo sovietico negli anni Trenta  venne chiusa al culto ed inseguito fatta saltare in aria (1937). Oggi l’edificio si trova vicino all’argine del Volga, ed è possibile notare la cattedrale in tutta la sua bellezza da molti angoli della città grazie alle sue alte cupole dorate.

L’interno della cattedrale ha subito diversi lavori di ristrutturazione e ospita le reliquie di diversi Santi della tradizione religiosa ortodossa.
La Cattedrale dell’Assunzione di Yaroslavl richiama l’attenzione dei visitatori grazie alle sue mura bianche in contrasto con le cupole dorate che si riflettono nelle acque del Volga. Al piano seminterrato si trova un museo dedicato alla sua storia della Cattedrale.

Yaroslavl_Viaggio in russia

 Museo d’Arte di Yaroslavl

Il Museo d’arte della città si trova all’interno dell’antica residenza dei governatori, nella zona della città considerata Patrimonio dell’UNESCO. L’edificio risale al 1823 e ha subito nel tempo diversi lavori di restauro. Al suo interno trovate due mostre permanenti sull’arte russa dal XVIII al XIX secolo, con una grande sala dedicata all’arte dell’impressionista Konstantin Korovin.
Il museo allestisce spesso anche diverse mostre temporanee sempre riguardanti l’arte russa ed europea.

Yaroslavl Strelka

La “strelka” (che in russo significa freccia) è una zona verde  che si trova tra i due fiumi di Yaroslavl: il Volga ed il Kotorosl. Secondo la tradizione questa è la zona in cui venne posta la prima pietra della città e quindi è considerata l’area più antica. In un’enorme aiuola è rappresentato un orso, lo stemma di Yaroslavl, realizzato dai fioristi della città. Qui si trova anche il Monumento celebrativo del Millennio della città, con sculture di personaggi illustri di Yaroslavl che hanno contribuito alla storia della località.
Passeggiando lungo l’argine potete vedere la città da un’altra prospettiva e potete ammirare tutta la sua bellezza e la sua magnificenza.Yaroslavl_Viaggio in russia

Chiese di Yaroslavl

La leggenda dice che un tempo ogni via di Yaroslavl doveva iniziare e terminare con una chiesa. E così sembra. La città ospita davvero tante e bellissime chiesette che sono parte del suo patrimonio storico e conservano al loro interno opere pittoriche davvero antiche. Tra le diverse cose da vedere a Yaroslavl vi consiglio, quindi, di visitare anche gli edifici che sono parte del patrimonio religioso e architettonico della città.
Tra le tante presenti, oltre a quelle già citate, potete visitare: la Chiesa dell’Epifania e la Chiesa dell’Arcangelo Michele.

Yaroslavl

Dove mangiare a Yaroslavl

La città ha diversi ristoranti che servono tipico cibo locale a prezzi davvero buoni.
Tuttavia mi sento di consigliare due posti che ho personalmente provato: il ristornate Mamuka e il Ioann Vasilievich.
Il ristornate Mamuka che serve cucina georgiana e si trova nella parte del centro storico della città; mentre il ristorante Ioann Vasilievich serve piatti della cucina locale e offre ai suoi clienti un’ambientazione davvero unica.Cosa mangiare in Russia

Cosa mangiare in Russia

Dove dormire a Yaroslavl

Yaroslavl non è una città turistica come Mosca o San Pietroburgo ma presenta comunque strutture in grado di accogliere turisti, anche se non sempre tutto il personale sa parlare inglese. Il consiglio, quindi, è quello di scaricarvi Google traduttore con il dizionario di russo disponibile anche off-line.
Con Booking.com potete trovare diverse strutture in città, ma il mio suggerimento è quello di scegliere un hotel nell’area del centro storico.

Noi abbiamo alloggiato all’Ibis Yaroslavl Center in pieno centro. Una catena con stanze non molto grandi, essenziali ma pulite. Il personale parla inglese e può darvi una mano anche per orientarvi in città.
La colazione è internazionale con ampia scelta.

Cosa vedere a Yaroslavl

Come arrivare a Yaroslavl

Il modo migliore per arrivare a Yaroslavl è quello di prendere un treno da Mosca, che in meno di quattro ore vi porterà a destinazione.
Potete consultare gli orari dei treni e acquistare i biglietti nella versione inglese del sito ufficiale delle ferrovie russe: www.pass.rzd.ru

In alternativa potete anche raggiungere la città con un autobus o con un viaggio in macchina. In auto, però, i tempi di percorrenza possono essere dalle quattro\cinque ore in sù a causa del traffico.

Se volete scoprire il nostro itinerario di tre giorni a Mosca vi consiglio gli articoli:

 

15 commenti su “Cosa vedere a Yaroslavl, città dell’Anello d’Oro”

  1. Sicuramente un viaggio fuori dalle rotte tradizionali, molto singolare e interessante. Io poi adoro visitare le chiese quando ho modo di andare in città che non conosco. Aggiungerò questo tuo articolo alle mia travel wishlist sicuramente!

    Rispondi
  2. Avevo in mente di vedere una o due città dell’anello d’oro quando sono stata a Mosca, ma temevo che in giornata non fosse fattibile e ho lasciato perdere. A questo punto mi sa che ho fatto bene perché c’è così tanto da vedere!
    Tra l’altro anche la cucina russa a Mosca mi aveva colpita molto, quindi ho un motivo in più per tornare.

    Rispondi
  3. Ti ringrazio tanto perchè mi hai fatto scoprire un luogo nuovo, che non conoscevo minimamente e che quindi non potevo proprio immaginare fosse così ricco di bellezza, arte, cultura. Da un po’ di tempo mi ritrovo a pensare alla Russia, a Mosca in particolare… Mi piacerebbe proprio visitare anche Yaroslavl! Magari posso pensare di organizzare un viaggio di diversi giorni, così da potercelo includere 🙂 Ma parliamo anche della cucina russa! Ho assaggiato qualcosa quando ero a Cracovia e a Budapest, e mi sono pazzamente innamorata di certi suoi piatti e sapori!

    Rispondi
  4. L’Ibis di trova davvero in numerosi paesi. Lo avevo notato in Germania e mi sono stupita di ritrovarlo anche in Marocco! Non ho ancora esplorato quella parte di mondo relativa alla Russia, ma segno tutto perché non si sa mai.

    Rispondi
    • Ti dico la verità: nemmeno io sono una persona che ama molto il freddo. Preferisco i climi soleggiati e caldi.. ma per la Russia, secondo me, vale la pena fare questo “sacrificio”… è davvero molto molto bella.

      Rispondi
  5. Ci sono davvero molte cose da vedere a Yaroslav, tu sei stata chiarissima! Hai inserito una serie di informazioni davvero utili anche in termini gastronomici e ai fini della scelta dell’alloggio, mi sono salvata tutto. Grazie!

    Rispondi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!