Cosa vedere a Vicenza, la città del Palladio

Vicenza è da un po’ la mia città. Moltissime volte mi è capitato di pensare, da quando mi sono trasferita qui, che prima di venirci a vivere avrei voluto che qualcuno me l’avesse consigliata come città da visitare, per una giornata o un weekend.

Il suo territorio provinciale è davvero vasto, da Asiago a Bassano, da Recoaro Terme a Schio. La città di Vicenza, invece, incastonata tra i colli e la Alpi vicentine è un vero gioiello, tanto da essere chiamata anche città del Palladio. Dichiarata città Patrimonio dell’Unesco, troviamo iscritte nelle sue liste 23 monumenti del centro storico e 16 ville della provincia.

Piazza dei Signori vicenza

Vicenza: città di Antonio Palladio

Andrea Palladio (1508-1580)  è in realtà di origini padovane: proprio a Padova nasce da Pietro della Gondola e da Marta detta “la zotta”. Andrea Palladio è pseudonimo di Andrea di Pietro della Gondola, e dopo un infanzia a Padova, a 16 anni si stabilisce a Vicenza per studiare e formarsi come architetto. Numerose sono le testimonianze che l’architetto ha lasciato, dalla famosa Basilica al teatro, da Palazzo Chiericati alle ville palladiane, come Villa la Rotonda.

Il centro storico di Vicenza è davvero a misura d’uomo, quindi non abbiate paura di visitarlo a piedi e perdervi tra i suoi vicoletti, tra i ponticelli e facciate di palazzi secolari.

Ma Vicenza non è solo patrimonio artistico e storico, è anche un importante polo industriale. È famosa per le aziende orafe, e la sua fiera dell’oreficeria, rinomata in tutto il mondo, per il settore conciario e tessile, e per quello chimico- industriale.

Cosa vedere a Vicenza

Giardini Salvi

Se arrivate a Vicenza in stazione, potete iniziare il vostro tour della città con la vista ai Giardini Salvi. Una piccola oasi, molto tranquilla a soli 500 metri dalla stazione e vicinissima a Corso Palladio. Qui potete trovare statue in stile palladiano, e la Loggia Valmarana, edificata da un allievo del Palladio e inserita nella lista dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Uscendo dai giardini e girando alla vostra sinistra noterete Piazza Castello con le mura che identificano l’accesso al centro storico della città.

Piazza castello

Una volta entrati in Piazza Castello dritti davanti a voi troverete il famoso Corso Palladio. Percorrete il Corso con calma prendendovi il tempo. Non potete perdervi.. proseguite sempre dritti fino a che ad un certo punto, potrete scorgere da una delle viette laterali dettagli della Basilica. Imboccate una di queste vie (non vi preoccupate ci sono indicazioni che vi segnalano dove girare) giungendo fino a Piazza dei Signori, dove si aprirà maestosa davanti a voi la Basilica Palladiana.

Basilica Palladiana

La Basilica Palladiana sorge nel luogo adibito al foro romano prima e al Palazzo della Regione poi. Questo Palazzo era un palazzo istituzionale, sede della autorità civili della città.

Il Palladio ha già 38 anni quando ottiene questa prima commissione pubblica, che lo consacra come architetto della città. Sarà, infatti, proprio Andrea Palladio a dare nuova veste e nuovo nome all’edificio: la Basilica. Basilica, infatti, nell’antica Roma era il luogo dove si gestivano la politica e gli affari più importanti.

Il Palladio decise quindi di arricchire la struttura del Palazzo della Ragione di logge in marmo bianco a serliane, dettaglio architettonico che rendono la Basilia unica al mondo.
Per la costruzione, la pietra bianca utilizzata proviene da una cava nella città di Piovene Rocchette. Cava che andrà esaurita con la costruzione della Basilica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Dove vi sentite davvero a casa ? “Casa non è una questione di mattoni ma di amore”.. dicono. Io fatico. Ero un po’ una trottola, giravo e mi piaceva. Adesso che ho trovato un po’ più di stabilità, ho trovato casa, penso di aver paura di fermarmi.. e di riconoscere che forse questa è casa. #visitveneto #discoveringveneto #vicenza_ #vicenzafoto #vicenzacity #vicenzaitaly #veneto #venetogram #veneto_super_pics #venetofoto #discoverveneto #venetodascoprire #vicenzalifestyle #venetosecrets #venetoregion #igersvicenza #igersveneto #ig_veneto #ig_vicenza #yallersveneto #vforveneto #yallersvicenza #travelandmarvel #runningvicenza #prendilasgaia #sgaialandmagazine #igvicenza #travelbloggeritaliane #progettoblog #gattevicentine

Un post condiviso da Martina Bressan (@travel_and_marvel) in data:

Il bellissimo piano superiore è caratterizzato da un enorme salone centrale, il Salone del Consiglio del Quattrocento, composto da una copertura in rame a carena di nave rovesciata.
Wolfgang Goethe nel suo libro chiamato Viaggio in Italia riguardo la Basilica Palladiana scrive: «Non è possibile descrivere l’impressione che fa la Basilica di Palladio…».

La Basilica attualmente ospita mostre d’arte di carattere anche internazionale.
Al pian terreno invece, potete trovare numerose  Botteghe storiche della città di Vicenza: come negozi di oreficeria e il Museo del Gioiello.
All’ultimo piano potete trovare anche una terrazza con bar, da dove è possibile ammirare Vicenza. Vi consiglio di andarci per un aperitivo magari al tramonto.

Teatro Olimpico

Se da Piazza dei Signori ritornate in Corso Palladio lo potete percorrere tutti fino ad arrivare in Piazza Matteotti dove troverete l’Ufficio Turistico della Città, il Teatro Olimpico e Palazzo Chiericati.

Teatro Olimpico Vicenza

Sempre Wolfgang Goethe nel suo libro definì il teatro olimpico «Un teatro sul modello antico, ma in piccole proporzioni e indicibilmente bello…».

Il Teatro è uno dei simboli della città e un altro capolavoro di Andrea Palladio, anche se l’architetto morì prima di vedere l’opera completata. Si tratta del più antico teatro coperto in muratura al mondo. Commissionato dall’Accademia Olimpica al Palladio nel 1580, il teatro è ispirato ai modelli dell’arte classica romana, e ai teatri descritti da Vitruvio.

L’architetto non riuscì a vedere l’opera completata, e i lavori furono terminati nel 1583 dal figlio Silla. La prima opera messa in scena è stata l’Edipo Re, di Sofocle nel 1585. Il teatro conta circa 400 posti e tutt’ora si tengono rassegne musicali e teatrali come il ciclo di “Spettacoli classici” le “Settimane musicali al Teatro Olimpico”, i Festival “Vicenza Jazz” e altre opere.

Per informazioni su costi e orari: www.teatrolimpicovicenza.it

Palazzo Chiericati

In Piazza Matteotti non potete non notare anche un altro capolavoro del Palladio: Palazzo Chiericati. Nel 1550 Girolamo Chiericati commissiona a Andrea Palladio la progettazione di questo palazzo, che doveva servire come residenza nobiliare della famiglia Chiericati.  Il Palazzo sorgeva dove all’epoca vi era l’approdo fluviale della città, in prossimità del punto di confluenza tra i fiumi Bacchiglione e Retrone. La costruzione è iniziata nel 1551, e si è interrotta nel 1557, anno di morte di Girolamo Chiericati. Il Palazzo, così, verrà completato solo nel XVII secolo.

Palazzo Chiericati Vicenza

Il Comune di Vicenza ha deciso di acquistare il Palazzo nell’Ottocento e di adibirlo a Museo Civico. Il Museo ora detiene una collezione di opere che va dal Duecento agli anni 2000. Notevole la raccolta di Pale d’altare di eccezionali artisti come: Bartolomeo Montagna, e, Cima da Conegliano; qui inoltre si trovano capolavori di Paolo Veronese (Madonna e santi), Tintoretto, Luca Giordano, Tiepolo (tra le sue opere, L’Immacolata Concezione) e una serie di disegni di Palladio.

 

Parco Querini

Un bellissimo Parco, un polmone verde nel centro della città. Il Parco è circondato per due lati dalle sponde del fiume Bacchiglione, e per il terzo lato da una linea di cinta muraria.
Al centro del Parco un maestoso viale alberato fiancheggiato da statue di soggetto classico, che vi porta fino ad un isolotto dove svetta un tempietto circondato da un  stagno.

Parco Querini Vicenza

Il parco è spesso meta di famiglie con bambini, che possono godere dell’ampio verde per correre e giocare. Non mancano gli amanti della corsa, come me, che sfruttano questo verde per allenarsi in questo bellissimo ambiente.

Ingresso libero.

Altri siti da vedere a Vicenza

Tempio di San Lorenzo

Il Tempio ha origini molto antiche, si pensa addirittura del 1280. Capolavoro romanico-gotico costituito dai frati francescani. Durante il periodo napoleonico fu occupato dalle truppe francesi.

San Lorenzo

Duomo di Vicenza e i resti dell’epoca romana

La Cattedrale di Santa Maria Annunciata è di origine paleocristiana. Andrea Palladio ne progettò la cupola e la Cappella Almerico. Negli spazi sotterranei è visibile un’area archeologica dall’epoca romana fino all’età medioevale.

Davanti al Duomo è visitabile anche il bellissimo Criptoportico romano parte di una ricca casa urbana di Vicenza di epoca romana I sec. d.C., che  rappresenta uno dei pochi esempi superstiti in tutta l’Italia Settentrionale per questo tipo di ambiente sotterraneo.

Vicenza

Vicenza

Vista di Vicenza dall’alto e il Santuario della Madonna di Monte Berico

Santuario della Madonna di Monte Berico è raggiungibile a piedi o con l’autobus dal centro di Vicenza.

Il Santuario è sorto attorno al 1428 negli anni della peste, dopo due apparizioni della Vergine Maria. Nel corso degli anni il Santuario è stato modificato diverse volte, ed è ora custodito dai Servi di Maria.  All’interno si possono ammirare diverse opere di artisti noti come: Bartolomeo Montagna, Paolo Veronese, Alessandro Maganza.

Monte Berico

Spostandosi nell’area davanti il Santuario è possibile godere di una magnifica vista su Vicenza.

Altre informazioni

Per informazioni su biglietti e gli orari dei siti vi consiglio di consultare l’Ufficio del Turismo di Vicenza. Solitamente i musei e i siti di interesse a Vicenza sono chiusi al Lunedì.

È disponibile anche la possibilità di acquistare il Biglietto Unico -Museum Card che comprende l’entrata a diversi siti e attrazioni. www.visitvicenza.org.

Qui a Vicenza noi abbiamo partecipato anche alla bellissima esperienza della “Cena al buio“. Una cena alla (ri)-scoperta dei cinque sensi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

ITA🇮🇹 &ENG 🇬🇧⬇️”Tra vent’anni sarai più infastidito dalle cose che non hai fatto che da quelle che hai fatto. Perciò molla gli ormeggi, esci dal porto sicuro e lascia che il vento gonfi le tue vele. Esplora. Sogna. Scopri.” – M.T. Io ho molta paura in questo momento a mollare gli ormeggi e salpare. Suggerimenti? 🇬🇧Twenty years from now you will be more disappointed by the things you didn’t do than by the ones you did do. So throw off the bowlines. Sail away from the safe harbor. Catch the trade winds in your sails.#visitveneto #discoveringveneto #vicenza_ #vicenzafoto #vicenzacity #vicenzaitaly #veneto #venetogram #veneto_super_pics #venetofoto #discoverveneto #venetodascoprire #vicenzalifestyle #venetosecrets #venetoregion #igersvicenza #igersveneto #ig_veneto #ig_vicenza #yallersveneto #vforveneto #yallersvicenza #travelandmarvel #runningvicenza #prendilasgaia #sgaialandmagazine #igvicenza #travelbloggeritaliane #progettoblog #gattevicentine

Un post condiviso da Martina Bressan (@travel_and_marvel) in data:

35 commenti su “Cosa vedere a Vicenza, la città del Palladio

  1. Pensa che proprio stasera sono stata a cena con un’amica di ritorno proprio da Vicenza per la fiera dell’oreficeria. Mi ha parlato benissimo della città, di quanto sia bella e a misura d’uomo, delle opere del Palladio tra le quali lo splendido teatro. Credo proprio che un giretto da quelle parti dovrò farmelo prima o poi. Tra te e lei mi avete molto incuriosito

  2. Ciao 🙂 mi è piaciuto molto il tuo articolo sulla città di Vicenza. Ho avuto la netta sensazione di immergermi nella sua bellezza e nei capolavori del Palladio, come la Basilica.
    Maria Domenica

  3. Complimenti per l’articolo, pur conoscendo Vicenza ed essendoci stata diverse volte (anche “grazie” al suo eccellente ospedale..), mi rendo conto che non ho mai letto nulla sulla città del Palladio, non mi sono mai documentata su cosa fare e cosa vedere, sono sempre andata a caso scoprendo, comunque, i suoi angoli bellissimi.

  4. Da buona vicentina, abitando ora in Australia, mi è venuto spontaneo cliccare su questo articolo, così per rivedere i miei posti! Compliementi Martina per il bellissimo post, molto chiaro e scorrevole, si legge con piacere, oltre che essere preciso nelle informazioni.

  5. Grazie per le indicazioni. Un po’ me ne dovrei vergognare ma non sono mai stato a Vicenza pur vivendo a nordest, magari con la tua piccola guida posso rimediare!

  6. Complimenti! E’ un bell’articolo pieno di informazioni interessanti.
    Non conosco Vicenza ma il tuo articolo mi ha incuriosito, magari seguirò i tuoi consigli in una eventuale gita autunnale in questa città!

  7. Che bello rivedere attraverso i tuoi occhi la città dove sono nata e cresciuta. Complimenti Martina, mi sono emozionata rileggendo di tutti i luoghi della mia infanzia ed adolescenza, ora vivo a Nizza ma devo dire che provo un grande amore per Vicenza, nonostante sia un città piccolina é davvero romantica.

  8. Vicenza è nel mio cuore e la amo per molti motivi. andavo ogni anno a fare degli stage di danza, ricordo ancora le notti a fare gli scemi in piazza dei signori 😀 è una città meravigliosa!

  9. Mi sono ripromessa di visitare di più la nostra bella Italia e Vicenza è sulla lista delle città che vorrei visitare presto. Seguirò i tuoi consigli!

  10. Non sono mai stata a Vicenza (o forse ci sono andata da piccola, dovrei riguardare gli album di foto), ma vedo che mi sto perdendo qualcosa di molto bello ed interessante! Quasi quasi programmo una gita uno dei prossimi weekend!

  11. Considerando quanto amavo il Palladio quando ero al liceo e considerando che mi ha fatto guadagnare un paio di A++ nelle interrogazioni di storia dell’arte, credo che sia davvero indecente il fatto che io ancora non sia stata a Vicenza. Devo rimediare presto”

  12. Mai stata a Vicenza. Il Veneto lo conosco bene ma a Vicenza mai stata. Grazie per questo post, sarà una delle mie prossime mete =)

  13. Ho in programma una visita alla città per Natale…ormai manco da troppi anni (visita d’obbligo al Teatro alle scuole elementari :-D) ma ricordo mi avesse colpito molto! Hai qualche suggerimento per pernottare e per mangiare?

  14. Una delle cose che mi piacerebbe fare in futuro è ripercorrere le tappe del viaggio in Italia di Goethe con i suoi diari in mano. Quindi Vicenza sarebbe proprio da includere. Grazie di tutte le dritte per esplorare la città.

  15. E proprio vero che non si smette mai di imparare, prima di leggere questo tuo post, non avevo idea che Vicenza fosse la patria del Palladio e tanto meno che fosse così bella! Di certo la prossima volta che andrò in visita parentale la metterò nelle tappe obbligate! Grazie di cuore!

  16. ma non sapevo mica che a Vicenza ci fossero tutte queste belle cose da vedere! i sono anche passata, a saperlo mi fermavo a fare un giro, mannaggia!!

  17. Splendida. Vicenza è nel mio elenco personale di città italiane da vedere, eppure non ci vado mai! Devo rimediare, mi incuriosisce troppo.

  18. Sono stata a Vicenza per la mostra di Van Gogh ma avevo poco tempo che non sono riuscita a visitarla. Devo tornare con il tuo articolo alla mano e seguire i tuoi consigli!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.