Consigli di viaggio: bagaglio a mano per un Weekend

Ogni volta che si è prossimi a partire per un weekend di vacanza da passare fuori città il pensiero vola alla valigia e al suo contenuto. Non è mai semplice scegliere come vestirsi per viaggiare, soprattutto se programmate un un fine settimana in una delle città più belle al mondo, come ad esempio Parigi.

Uno dei miei primi viaggi con solo bagaglio a mano è stato nella Ville Lumière, e non vi nascondo che avevo un po’ di ansia da preparazione della valigia. Anche il mio primo viaggio di lavoro con solo bagaglio a mano, per circa una settimana, è stato proprio nella capitale francese. In questi primi viaggi avrei voluto essere come Mary Poppins e saper mettere TUTTO quello che mi sembrava necessario dentro la borsa.

bagaglio a mano Parigi

Se partite per un viaggio di lavoro o di piacere con solo bagaglio a mano, sono molti i fattori che entrano in gioco. Basta pensare al clima del periodo in cui decidete di partire e ovviamente allo stile dell’abbigliamento, un dettaglio che è assolutamente necessario studiare quando si visitano città icone della moda come Parigi.

Vi ho spesso parlato dei miei viaggi in Francia no? Ecco, dunque, qualche suggerimento utile su come prepararvi al meglio.

Organizzare il bagaglio a mano

Capire come vestirsi per viaggiare non è solo una questione di moda, ma anche di clima e di praticità. La regola, secondo me, è di portare capi che sono utilizzabili in diversi occasioni, e di premiare  colori che sono facilmente abbinabili tra di loro.

 Organizer e dispenser

Per organizzare il bagaglio, sia quello a mano sia la valigia o lo zaino, io uso dei set di organizer. Gli organizer sono dei contenitori, delle buste, in tessuto di diverse misure e dimensioni dove potete mettere i vostri capi. All’interno degli organizer gli abiti stanno piegati e ordinati. Ce ne sono alcuni di più rigidi fatti apposta per le camice. C’è chi utilizza il sottovuoto per guadagnare ancora più spazio, c’è chi arrotola la roba. Per quanto mi riguarda, mettendo le cose sottovuoto o arrotolandole (specialmente se parliamo di camicia e giacca) si rischia di stropicciarle, quindi valutate voi.Bagaglio a mano

Per i liquidi io utilizzo dei dispenser, dei barattolini, in cui come fossi il piccolo chimico, travaso quello che mi serve, dallo struccante allo shampoo. Ricordate che per i liquidi dovete rispettare la quantità consentita. Boccette da massimo 100 ml l’una, che devono essere tutte inserite all’interno di un sacchetto di plastica richiudibile, di capacità massima di 1litro

Sia i set di organizer che i dispenser si possono comprare sia online, che in diversi negozi come Ikea.

Cosa portare nel bagaglio a mano

Il primo passo per riuscire ad organizzarsi al meglio è sicuramente imparare a programmare e ad avere una visione delle cose. Pensate al tipo di vacanza, e al tipo di abiti che vi serviranno: se viaggiate per lavoro e dovete essere più formali, oppure se vi serve dividere i look da giorno, da quelli della sera. È un momento importantissimo, perché solo così riuscirete a pianificare al meglio gli abbinamenti.

Le prime volte non è stato esattamente semplice, perché volevo portarmi via più o meno tutto, con la scusa del: “E se mi serve.. e se andiamo.. e se…”. Con tutti questi “se” perdevo un sacco di tempo.Bagaglio per un weekend

Innanzi tutto, bisogna farsi furbe e capire subito che riempire la valigia non può essere la soluzione: meglio portare pochi capi ma buoni, ad esempio, usando alcuni elementi che possano andare bene per più occasioni. Fra i “pezzi intercambiabili” troviamo la giacca (meglio portarne una sola), e lo stesso dicasi per le sneakers, di moda e quindi ormai perfette anche per un look serale. In altre parole, il segreto è imparare a scremare le opzioni in lista, cercando di fare un po’ di decluttering premiando i capi e gli accessori facilmente adattabili. Insomma, io le prime volte ho dovuto far uscire un po’ anche la Marie Kondo che c’è in me.

Look per il bagaglio a mano: dall’inverno all’estate

Saper fare il bagaglio non è solo una questione di praticità. Parliamoci chiaro, siamo in un momento di vita in cui tutto dev’essere “instagrammabile”. Le vedete le foto stupende che molte persone (influencer, blogger, vip, …) mettono su Instagram con quegli outfit sempre perfetti?
Ecco è tutta questione di organizzazione. Ora io non sono esattamente una modella, nemmeno una che mette proprie foto su Instagram, perchè in foto vengo davvero male. Non so proprio mettermi in posa, nemmeno di schiena. Però posso darvi qualche consiglio su come organizzarvi meglio.
Vediamo di fare degli esempi concreti, dunque, e di approfondire ogni stagione dell’anno, in relazione ai vestiti da mettere in valigia. Vi ho già detto che Parigi è stato il mio primo viaggio di lavoro, e da quella volta ne sono arrivati tanti altri di viaggi con bagaglio a mano. Ecco quindi un po’ di suggerimenti per un perfetto (e comodo) look parigino.

Look invernale e autunnale

Si parte dal cappotto, dal trench e dal blazer, opzioni da valutare sia in termini sia di clima che di moda in inverno. Poi si consiglia di portarsi dietro un bel paio di jeans per il giorno, abbinabili a camicia e giacca, oppure ad un maglioncino. Se per la sera dovete cambiare look, basterà sostituire i jeans con una gonna, magari in ecopelle. Se avete, invece, un’occasione particolarmente formale portate un bel pantalone nero (che con camicia e giacca ci sta benissimo) oppure indossate classico tubino.
Un bel paio di ballerine ai piedi non possono mancare, in alternativa consiglio dei mocassini, scarpe più pratiche da mettere in valigia rispetto a quelle con il tacco che occupano molto spazio. Come accessorio must have per un weekend nella capitale francese, infine, consiglio di portare un caldo e comodo basco!

Look primaverile e estivo

A maggio il sole inizia a ravvivare i colori di Parigi e noi dovremo fare lo stesso. Iniziando da una maglia mariniere, insieme ad un bel cardigan, oppure con una giacca. I pantaloni culottes sono ideali, perché si possono adattare a diverse occasioni, sia di giorno che di sera.

Ad esempio, di giorno potete mettere un paio di jeans con maglia mariniere, e la sera sostituire i jeans con dei pantaloni a culottes neri.
Infine, sia in inverno, che in primavera consiglio di portare con voi un paio di sciarpe, pashmine o foulard che possono dare una mano a variare il vostro look, e allo stesso tempo ripararvi dal vento o dal freddo.bagaglio a mano due gionri a Parigi

In estate, largo ovviamente alle gonne e agli shorts, grandi protagonisti di questa stagione.
(NOTA: Attenzione inoltre ad indossare gonne o pantaloncini troppo corti, non solo per una questione di comodità, e di stile, ma anche se entrate in luoghi di culto.)
Per il mio viaggio a Parigi di quest’estate, ad esempio, avevo dei pantaloni corti a pois e un paio di magliette a maniche corte di Decathlon. Queste ultime occupano pochissimo spazio, sono pratiche, e si stropicciano poco.
Anche gli abitini con diverse fantasie sono ideali, semplici, pratici ma allo stesso tempo molto eleganti.  Sempre con me, una borsetta a tracolla, di dimensioni medie, molto pratica per girare durante il giorno.
Infine consiglio sempre di portare un ombrello o un piccolo k-way per ripararvi dalla pioggia.

Ognuno di noi alla fine ha il proprio metodo di fare il bagaglio, che sia in inverno o in estate, poco importa: la comodità e la praticità dovranno essere sempre l’obiettivo numero uno!

 E voi come scegliete il vostro look da viaggio?

28 commenti su “Consigli di viaggio: bagaglio a mano per un Weekend”

  1. Ottimi consigli anche per apparire graziosi nelle foto di rito. Cosa che non riesco a fare io. Viaggio con il bagaglio a mano che sia un we o un tour di tre settimane. Odio perdere le valige in aeroporto. Così scelgo capi semplice e soprattutto facili da lavare

    Rispondi
  2. Questo me lo salvo. Ogni volta che parto io sembro una scappata di casa perché mi piace viaggiare comoda. Poi però guardo le fighe al mio fianco e mi chiedo come fanno! ahaha Su una cosa però sono migliorata tantissimo, infatti adesso riesco a portare poche cose e intercambiabili proprio come dici tu. L’ultima volta a Malaga sono stata 3 settimane con solo il bagaglio a mano. Vero che lì potevo usare la lavatrice, però per me è un record!

    Rispondi
  3. Paradossalmente mi trovo più in difficoltà a fare il bagaglio per andare dal mio fidanzato, perché non so mai cosa faremo,s e devo mettere abiti più eleganti se abbigliamento sportivo. Quando, invece, vado in vacanza so già cosa farò e perciò mi porto abbigliamento e scarpe adeguate 🙂

    Rispondi
  4. Io uso sempre il metodo Marie Kondo quando faccio la valigia, e visto che viaggio quasi sempre e solo con il bagaglio a mano, ormai sono un’esperta! Prediligo molto i vestiti che mi permettono di stratificare sia di inverno che le mezze stagioni!

    Rispondi
  5. Hai ragione: l’adattabilità è il vero trucco!
    Un vestito comodo e carino che può andar bene sia per fare una passeggiata che per uscire la sera, magari con la semplice aggiunta di un accessorio che trasforma l’outfit, è certamente da prediligere rispetto ad un vestito troppo elegante. A volte basta una cintura a fare la differenza!
    Un saluto dai Lemuri

    Rispondi
  6. Anch’io uso gli organizer ma poco nel bagaglio a mano perché infilo le cose non piegabili (scarpe) negli spazi,ma non insieme. Per il beauty ho una busta sempre pronta in armadio con una valanga di campioncini. Altro trucco: quando parto col bagaglio a mano porto sempre una shopping bag molto grande che riempio per bene.

    Rispondi
  7. Il bagaglio è il mio terrore! Quando poi iniziano a smontarti la valigia per i controlli inizia la tachicardia! E mi dimentico sempre qualcosa a casa di indispensabile! Grazie per i tuoi preziosi consigli, lì seguirò alla lettera! 🙂

    Rispondi
  8. Ottimi consigli! Tendo a scegliere 2 colori su cui basarmi negli outfit 🙂 il problema per me in genere sono le scarpe, però ottimizzo sempre.. e tacchi aboliti ormai da mo!

    Rispondi
  9. Per i vestiti non uso gli organizer, perché loro stessi prendono spazio in valigia, tendo piuttosto a mettere i vestiti il più dritto possibile, così mi rimane uno strato sopra per pc e liquidi che devo tirare fuori al controllo in areoporto.

    Rispondi
  10. Il bagaglio a mano è una delle mie passioni, la sola cosa che ho accettato come “sport” nella vita. più ingegnoso del sudoku, con potere più rilassante delle parole crociate, il buon abbaglio a mano mette alla prova la nostra abilità di problem solver 😉
    E farlo in inverno rende tutto ancora più avvincente, anche perchè io, se e quando posso, viaggio SOLO con il bagaglio a mano 🙂

    Rispondi
  11. Quando viaggio anche per 2 giorni è una tragedia con il bagaglio perché porto tutta la casa.. Grazie mille per i tuoi consigli li seguirò, forse mi aiuteranno a portare il necessario e ad organizzare un buon bagaglio a mano

    Rispondi
  12. Arrotolare i vestiti è diventato ormai un mantra per me. Il bagaglio a mano è diventato il mio migliore amico, pensa che durante l’ultimo weekend a Bratislava, ne abbiamo portato 1 in 2. Certo, la fashion blogger la farò in un’altra vita, ma per me vincerà sempre la comodità!
    Ho iniziato ad utilizzare gli organizer durante il viaggio in Sri Lanka per tenere più in ordine gli zaini, sono fantastici!

    Rispondi
  13. Il bagaglio a mano è ormai di routine per me, dal trolley allo zaino la parola d’ordine è ESSENZIALE e così mi trovo ogni volta a giocare a tetris in cui ormai sono diventata una campionessa Anche io trovo molto utili gli organizer per la roba. Io solitamente utilizzo le bustine Ikea con zip in modo da tenere la roba all’asciutto soprattutto quando utilizzo lo zaino anche perché viaggio molto più in autunno, inverno e primavera e capita di trovare pioggia. Un’altra cosa utile di cui ormai non riesco più a far a meno è il set lavanderia (mini saponetta di Marsiglia, piccolissime mollettine ultra leggere da camping e una cordicella fine) così anche se porto pochissimo cambio mi garantisco di avere sempre roba pulita. Trovo oltremodo utili tutti i tuoi consigli e ne farò tesoro

    Rispondi
  14. Io sono sempre in crisi quando parto solo con il bagaglio a mano vorrei avere diversi outfit tra cui scegliere per fare le foto invece mi Devo limitare

    Rispondi
  15. Io ho imparato a viaggiare con il solo bagaglio a mano a causa del lavoro e ora, se sto via una settimana, me la cavo con la sola valigia da cabina + la mia borsa! Le cose cambiano invece se sto via di più e soprattutto devo visitare posti con climi diversi.. lì proprio non ce la faccio e butto in valigia di ogni con la scusa del “ma non riesco a lavare nulla, sono in un viaggio on the road” piuttosto che “ma metti che fa freddo/caldo/viene un tornado/mi mangia un orso/incontro keanu reavers”!

    Rispondi
  16. Io mi trovo benissimo con gli organizer e i sachetti porta abiti. Metto all’interno il completo già fatto e cerco di utilizzare pezzi piccoli che non si sgualciscano troppo. Il mio must have è una sciarpa o un foulard da usare anche in aereo contro l’aria condizionata

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!